Estratto

Da SIS Group Manuali.

Indice

Regole Generali per la stesura dell’atto

Esistono regole fondamentali da tenere in considerazione per la stesura dell’atto.

- Segni di Interpunzione:

Punteggiature: Estratto! tiene in considerazione, VIRGOLE, PUNTI e PUNTI E VIRGOLE come segni di divisione tra una frase (o un paragrafo) e un’ altra; inoltre si possono utilizzare questi segni di interpunzione per distinguere i campi chiave.

A capi: se viene mandata a capo a metà una frase, ed esempio, di un soggetto ( e quindi questo non è descritto di seguito) , non sarà possibile interpretare tutti i dati del soggetto se nella seconda parte della descrizione sono presenti CAMPI CHIAVE.

Virgolette: si inseriscono subito prima e subito dopo il nome di una società per estrarne l’identificativo.

File:Info verde.jpg Non è corretto dividere manualmente una parola di fine rigo con il trattino e digitare il tasto di ritorno a capo

File:Info verde.jpg Errori lessicali e di battitura possono pregiudicare il recupero di dati significativi

Dati generali

Numero di repertorio e raccolta per atto pubblico

I numeri di repertorio e di raccolta sono generalmente posti in testa all'atto. Possono essere preceduti da frasi che introducono un riferimento alla disciplina delle agevolazioni tributarie.


Esempio A
Repertorio N. 1000 ------------- Raccolta N. 500
C O M P R A V E N D I T A
R E P U B B L I C A I T A L I A N A

Esempio B
Esente da imposte di bollo, registro ed ipotecarie ai sensi del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 601
Numero 1000 del Repertorio ------------- Numero 500 della Raccolta
CONTRATTO DI MUTUO FONDIARIO
Repubblica Italiana

Numero di repertorio e raccolta per scrittura privata

Nelle scritture private i numeri di repertorio e di raccolta precedono l'inizio della sezione di autentica delle firme.

Esempio
ATTO COSTITUTIVO DI SOCIETA' IN NOME COLLETTIVO
tra i signori: ...
Repertorio N. 1000 ------------- Raccolta N. 500
AUTENTICA DI FIRMA

Termini sostitutivi

Toponimi assegnati al numero di repertorio

Repertorio n.
Rep.
Numero XXXX del Repertorio
N. XXXX del Repertorio
Repertorio N.
REPERTORIO N.
REP.
Rep. n.
REP. N.
Repertorio numero
Repertorio Numero
Repertorio n°

Toponimi assegnati al numero di raccolta

Raccolta n.
Numero XXX della Raccolta
Racc.
RACCOLTA N.
Raccolta N.
RACC.
RACC. N.
Racc. n.
Raccolta Numero
Raccolta numero
Raccolta n°

Natura dell’atto

Nature riconosciute da estratto

Ecco di seguito l’elenco delle nature riconosciute da Estratto!. vengono riconosciute anche nature che iniziano per “ATTO DI”.

"ACCOLLODIMUTUO"
"ACQUISIZIONESOSTITUTIVADIESPROPRIO"
"ADESIONEEACQUIESCENZAATESTAMENTO"
"AFFITTO:"
"ANTICIPATACESSIONEVOLONTARIA"
"APERTURADICRED:"
"ASSEGNAZIONE:"
"ASSENSO:"
"ASSERVIMENTO:"
"ATTOCOSTITUTIVO:"
"CANCELLAZIONE:"
"CESIONE:"
"CESSIONI:"
"COMPRAVENDIT:"
"CONCESSIONEDIIPOTECA:"
"CONSENSO:"
"CONTRATTO:"
"CONVENZIONE:"
"CONVENZIONI:"
"COPIADIDOCUMENTO:"
"COST:"
"COSTIT:"
"COSTITUTIVO:"
"COSTITUZ:"
"COSTITUZIONEDI:"
"DIVISIONE:"
"DONAZIONE:"
"DONAZIONI:"
"ENUNCIATIVODIIMPRESAFAMILIARE:"
"EROGAZIONEEQUIETANZA:"
"ESPROMISSIONE:"
"ESTINZ:"
"ESTRATTO:"
"FIDEIUSSIONE:"
"FINANZIAMENTO:"
"INVENTARIODIEREDITA':"
"LIQUID.:"
"LOCAZIONEFINANZIARIA:"
"MODIFICAD:"
"MUTUO:"
"NOMINADIPROCURATORI:"
"NOTORIETA':"
"NUOVOPRESTITOCASA:"
"PERMUTA:"
"PRELIMINAREDICOMPRAVENDITA:"
"PRESTAZIONEDILEGATO:"
"PROCURA:"
"PROSECUZIONEINVENTARIODIEREDITA':"
"PUBBL:"
"PUBBLICAZ:"
"PUBBLICAZIONE:"
"QUIETANZA:"
"RECESSO:"
"REGOLARIZZAZIONEDI:"
"REINTESTAZIONEDIQUOTESOCIALI:"
"RETTIFICA:"
"REVOCA:"
"RICHIESTADIREGISTRAZIONEDITESTAMENTOPUBBLICO:"
"RICOGNITIVODISOMMA:"
"RICOMPOSIZIONEFONDIARIA:"
"RICONOSCIMENTO:"
"RIDUZ:"
"RINEGOZIAZIONE:"
"RINUNCIA:"
"RINUNZIA:"
"RISOLUZIONE:"
"SCIOGL:"
"SEPARAZIONEDEIBENI:"
"STRALCIODIQUOTADIVISIONALE:"
"STRALCIODIVIS:"
"SVINCOLO:"
"TRANSAZIONE:"
"TRASFERIMENTO:"
"TRASFORM:"
"UNILATERALE:"
"VARIAZIONE:"
"VENDITAAUTO:"
"VENDITAIMBARCAZIONE:"
"VENDITAIMMOBILIARE:"
"VENDITAMOTO:"
"VENDITARIMORCHIO:"
"VENDITA:"
"VERBALEDI:"
"VIDIMAZIONE:"
"VINCOLO:"

Dati di stipula

Vengono recuperati in questa sezione i DATI GENERALI. Se l’intestazione è stata scritta correttamente verranno recuperati: “NATURA”, “DATA ATTO”, “LUOGO”, “VIA”, “REPERTORIO”, “RACCOLTA”, se l’atto è “IN SEDE”, se è “REGISTRATO”, e se è “PUBBLICO”.




Esempio A
REPERTORIO N.1000 ----------------- RACCOLTA N.500
COMPRAVENDITE
REPUBBLICA ITALIANA
L'anno duemilacinque, il giorno ventiquattro del mese di maggio, in Milano (MI), in Piazza Capograssi n. 9.
Dinanzi a me Avv. MARIO ROSSI, Notaio in Milano, iscritto presso il Collegio Notarile dei Distretti Riuniti di….


Esempio B
Repertorio n. 1000 ----------------- Raccolta n. 500
VENDITA
Repubblica Italiana
L'anno duemilacinque, il giorno trenta del mese di giugno
(30 giugno 2005)
In Roma, nel mio studio in via …... Avanti a me dottor Mario Rossi, Notaio in Roma, iscritto nel ruolo dei Distretti Notarili Riuniti di…



Nello specifico

NATURA: vedere paragrafo 3.1, casi possibili.

DATA ATTO: viene riconosciuta se nella testata dell’atto è presente la dicitura “l’anno” e “il giorno”, prima in lettere e poi in numeri (vedi Esempio B). In numeri è facoltativo. Va scritta dopo REPUBBLICA ITALIANA.

LUOGO E VIA: vanno scritti PRIMA dell’autenticazione del notaio e DOPO la data. Tra la città e la Via va inserito un segno di interpunzione per distinguerle (virgola o punto e virgola). Tra le due parole non va scritto nient’altro, altrimenti il programma recupera nel campo VIA informazioni sbagliate. I toponimi che si possono usare sono “in via” e “via”.

REPERTORIO E RACCOLTA: nella sezione dei dati generali ci sono diversi Toponimi per interpretare i numeri di repertorio e raccolta.

SEDE/ FUORI SEDE: se l’atto è stipulato in sede il programma inserirà il codice “S”, in caso contrario “F”. Estratto! riesce a capirlo confrontando la sede inserita nell’atto e quella nei parametri di configurazione DATI NOTAIO.

REGISTRATO/ESENTE/ECC..: perché venga interpretato l’atto come REGISTRATO è necessario che vi sia il numero di Raccolta.

PUBBLICO/AUTENTICATO: perché venga interpretato l’atto come PUBBLICO è necessario che nell’atto vi sia scritto REPUBBLICA ITALIANA.

Se non vengono utilizzate le voci: “dinanzi a me”
“innanzi a me”
“davanti a me”
“avanti a me”
“avanti di me”
non sarà possibile recuperare DATA, LUOGO e VIA dell’atto.


Dati comparenti

Il paragrafo dei comparenti viene riconosciuto automaticamente all’interno del testo:


Esempio A
- Rossi Mario, nato a Napoli (NA) il dì 28 ottobre 1940, residente in Napoli(NA), Via Carrara n. 7, Codice fiscale:……..agricoltore;


Esempio B

- Del Bianchi Rosa, nata a Napoli (NA) il 7 agosto 1977, impiegata,Codice fiscale: ….,entrambi residenti in Napoli(NA), Fraz. Piticchio n. 343,coniugati in regime di separazione legale dei beni, che in appresso per brevità saranno denominati "Mutuatario.
<vr>



Punti Importanti:


> A) scrivere SEMPRE prima il cognome e poi il nome (come è scritto in tutti i documenti: carta d’identità, patente, ecc..).



> B) si può digitare un trattino prima della descrizione del soggetto per sancire meglio l’inizio della frase.



> C) I campi minimi da inserire nella frase del soggetto affinché questo venga recuperato sono: COGNOME, NOME e LUOGO DI NASCITA.



> D) Per recuperare i dati delle società è importante che il nome di questa sia scritto tra due serie di virgolette e vi sia la dicitura della “sede legale” scritta in uno dei modi previsti.



Persone Fisiche

Estratto! interpreta molti dati per le persone fisiche, e per ogni campo vi è una vasta gamma di toponimi che vengono accettati. Nello specifico:

Cognome e Nome

Vengono interpretati:

ROSSI MARIO-----ROSSI MARIO MATTEO-----Del Bianco Mario
ROSSI Mario----- ROSSI Mario Matteo----- DEL BIANCO Mario
Rossi Mario----- Rossi Mario Matteo----- DEL BIANCO Mario Matteo

Con gli ultimi aggiornamenti sono stati previsti anche:

Dott. Rossi Mario----- DOTT. ROSSI MARIO
Dott. ROSSI Mario----- DOTT. ROSSI Mario
Dott. ROSSI MARIO----- DOTT. Rossi Mario


File:Info verde.jpg Lo stesso per “Signor”, “Dottor” , “Sig.”, “Signora”, “Sig.ra”, “Dott.ssa”

Data e luogo di nascita

Vengono interpretati:

nato il --------------- nato l’ ------------- nato a --------------- nata a
nata il --------------- nata l’ ------------- nato in --------------- nata in
nato il giorno -------------- nata il giorno -------------- nato ad ----------- nata ad


Professione

Il programma riesce a recuperare tutte le professioni, purché siano scritte tra due virgole.


Residenza e/o domicilio

Per recuperare il Comune viene letto:


residente a ----------------------------------- domiciliato a
residente in ---------------------------------- domiciliato in
entrambi residenti a -------------------------- domiciliata a
entrambi residenti in' ------------------------ domiciliata in
domiciliato per la carica a ------------------- entrambi domiciliati a
domiciliato per la carica in ------------------ entrambi domiciliati in



Stato civile

Deve essere scritto successivamente la professione.
Viene riconosciuto attraverso i seguenti Toponimi:

' “coniugato in comunione (legale) dei beni” = codice applicato “C”;

“coniugato in separazione (legale) dei beni” = codice applicato “S”;

“nubile”, “celibe” e qualsiasi altro caso = codice applicato “L”.


Coniugi

Quando ci sono i coniugi Estratto! prevede il recupero della residenza:


Esempio A
I sottoscritti:
- Del Bianco Mario, nato a Milano (MI) il 20 novembre 1971, operaio, Codice fiscale: ...

- VERDI Anna Rosa, nata a Torino (TO) il 7 agosto 1977, impiegata,Codice fiscale: ...,entrambi residenti in Milano (MI)', Fraz. Piticchio n. 343,coniugati in regime di separazione legale dei beni, che in appresso per brevita' saranno denominati "Mutuatario.


Esempio B
I' coniugi:
- Del Bianco Mario, nato a ….e VERDI Anna Rosa , nata a ….entrambi residenti in….dichiarano di essere coniugati in comunione legale dei beni.



Esempio C
Sono presenti iconiugi:
- Del Bianco Mario , nato a…
- VERDI Anna Rosa nata a…
coniugati in comunione legale dei beni,...



Esempio D
Sono presenti:
- Del Bianco Mario, nato a…
- VERDI Anna Rosa, nata a…
che dichiarano di essere coniugi , coniugati in separazione legale dei beni.


Persone Giuridiche

Estratto! riesce ad interpretare i dati principali delle persone giuridiche per la compilazione dei vari programmi (repertorio, modello unico, fedra).
I termini sostitutivi che vengono accettati sono:

Denominazione e sede

È bene scrivere il NOME della persona giuridica in lettere MAIUSCOLE e tra due virgolette.
Per interpretare bene una persona giuridica e la sede in cui opera è importante che vi siano presenti una di queste diciture: “con sede (legale) in”,
“con sede (legale) a”,
“con sede legale e direzione generale in”,
“con sede nel”,
“ha sede nel”,
“ha sede in”;

ed anche:
“codice fiscale dichiarato”,
“codice fiscale”,
“codice fiscale”,
“cod.fisc.:, “cod.fis.:”,
“c.f.:” ----- “c.f.” ----- “cf:” ----- “ncf.” ----- “ncf.:” ----- “partita i.v.a.”

N.B.: appena viene inserita la dicitura è necessario inserire PRIMA il Comune della sede e DOPO la Via, altrimenti il soggetto non viene recuperato.


SE NON SUSSISTONO QUESTE DUE REGOLE IL SOGGETTO GIURIDICO NON SARÀ RECUPERATO


Esempio A
"SOCIETA’ SRL", con sede in Senigallia (AN) Via …., n. 6, codice fiscale e numero iscrizione Registro Imprese di Ancona..., Capitale sociale Euro 10.200,00 interamente sottoscritto e versato,...
qui rappresentata dall'amministratore unico e legale rappresentante signor
- ROSSI MARIO, nato a Roma il dì 3 novembre 1934, residente in Roma, Via Metauro, n. 12, Codice fiscale: …, pensionato, che nel contesto del presente atto verrà denominata "Mutuatario";



Esempio B
- la società "SOCIETA’2 SPA.", con sede in PALERMO (PA) VIA S. MARIA n. 31, capitale sociale Euro 52.000,00, CODICE FISCALE e PARTITA IVA..., che in appresso per brevità sarà chiamata parte venditrice...


File:Info verde.jpg IMPORTANTE! il nostro programma estrapola anche il capitale sociale delle società, quando è presente una di queste voci: “capitale”, “capitale sociale di euro”, “capitale sociale euro”.

Comuni

Estratto! li interpreta sempre come soggetto giuridico, quindi le regole da osservare sono le stesse citate nel paragrafo 5.2.1.:

Esempio A:

"Comune di Salerno" con sede in Via…..(SA);


Banche

Estratto! le interpreta sempre come soggetto giuridico, quindi le regole da osservare sono le stesse citate nel paragrafo 5.2.1.:

Esempio A:

"BANCA MARCHE SPA" con Sede Legale in Milano (MI) – Corso…. n. 14, 60122 - Direzione Generale: Via….. n. 4, Capitale Sociale Euro 63.083.113,02 (sessantatremilioniottantatremila-centotredici virgola zerodue), Codice Fiscale, Partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n..., ABI...



Altri dati persone giuridiche

Gli altri dati delle persone giuridiche che vengono riconosciuti sono i seguenti:


• forma giuridica;
• partita iva, codice fiscale;
• capitale sociale;
• capitale sociale lettere


Ruoli delle persone

Con Estratto! si riesce ad interpretare il RUOLO dei comparenti identificandoli come <DANTI CAUSA>, <AVENTI CAUSA>


Danti, aventi, terzi datori d'ipoteca

Il riconoscimento dei ruoli avviene attraverso la creazione dei quadri CONVENZIONI. Affinché vengano riconosciute, nel paragrafo devono comparire almeno una di queste voci: “CEDE”, “CEDONO”, “VENDE”, “VENDONO”, “DONA”, “DONANO”. Inoltre i NOMI dei soggetti – quando vengono specificati per le convenzioni – devono essere scritti in maniera IDENTICA al campo CognomeNome.

Esempio A
SI COSTITUISCONO:

PARTE VENDITRICE:
- ROSSI Mario, nato a...
- BIANCHI Anna, nata a...

PARTE ACQUIRENTE:
- “SOCIETA’2 SPA.”, con sede legale in...



Esempio B
SI COSTITUISCONO:

Per la parte Mutuante il signor:
- ROSSI Mario, nato a….

Per la parte Mutuataria la signora:
- BIANCHI Anna, nata a...



Esempio C
Le parti convengono e stipulano quanto segue:
ROSSI Mario vende a BIANCHI Anna, che accetta ed acquista la piena proprietà...



Regimi patrimoniali e quote

- Quando non è scritto nulla nel Regime Patrimoniale dei comparenti viene prevista la voce “da non riportare” nelle convenzioni per il campo “Regime Patrimoniale”;

- Recupero quote dettagliate che non trattino solo la vendita di un intero ma anche quote frazionate;

- Recupero unità negoziali diverse quando ci sono due o più negozi.

Immobili

L’applicazione Estratto! estrapola diversi dati riguardanti gli immobili. Viene creato un immobile quando il programma legge, vicini, FOGLIO e PARTICELLA (o MAPPALE).
A volte ci troviamo recuperati immobili che non fanno parte dei trasferimenti immobiliari per cui è stato stipulato l’atto, ma che fanno riferimento a estremi precedenti e per i quali il notaio – per indicarli - ha utilizzato le parole FOGLIO e PARTICELLA.
Pertanto, è consigliabile scrivere questi tipi di immobili in una forma non leggibile da Estratto!, per esempio “FO” e “PA”.


Descrizione dell’immobile

La descrizione dei dati censuari dell’immobile deve succedere la descrizione della località. Se si ha più di un immobile è preferibile che questi vengano scritti separatamente l’uno dall’altro, per evitare di fare confusione.


Esempio A

immobile sito in Comune di Macerata, alla via Tal dei Tali n.ro 36:
- porzione di fabbricato urbano formata da...confinante con...
Censito nel C.F. di detto Comune, come segue:
Foglio 7, mappale 1016, subalterno 35, piano T, categoria C6, classe 1,ettari 10, mq 47,Rendita Domenicale 1.38, superficie catastale mq. 52, Rendita Catastale Euro 48,55;
Foglio 7, mappale 1016, subalterno 44, piano 2, categoria A2, classe 2, vani 6, z.c A, are 11, superficie catastale mq. 117, Rendita Catastale Euro 387,34


Località dell’immobile

Come abbiamo già detto nel paragrafo 6.1, la località va inserita nell’atto prima della descrizione dei dati censuari.
Se ci sono due o più immobili situati nello stesso Comune e Via, non è necessario ripeterla per ognuno, basta all’inizio.
L’importante è che sia utilizzato uno dei seguenti toponimi:
“comune di”
“posto in comune di”
“sito nel comune di”
“sito in comune di”
“posta in comune di”
“sita in comune di”
“sita nel comune di”
“sita in”
“posti in comune di”
“siti nel comune di”
“siti in comune di”
“in comune di”
“siti in”

Immobili con dati censuari

Riportiamo qui di seguito i termini sostitutivi per interpretare:


Foglio: “foglio”, “fg”, “fg.”, “foglio di mappa”

Particelle: “particelle”, “particella”, “mappali”, “mappale”, “mapp.”, “mapp”, “mn”,“mn.”, “part.”, “part”

Subalterni: “subalterno”, “sub”, “sub.”

Dati delle particelle

Riportiamo qui di seguito i termini sostitutivi per interpretare:


Superficie cat.: “superficie catastale mq.”, “consistenza metri quadrati”, “consistenza metri quadri”, “metri quadri”, “metri quadrati ”, “mq.”, “mq”.

Reddito dominicale: “reddito domenicale euro”, “r.d. euro”

Reddito agrario: “reddito agrario euro”, “r.a. euro”

Vani: “consistenza vani”, “vani”

Piano: “piano”, “p.”

Categoria: “categoria”, “cat.”, “cat”

Classe: “classe”, “cl.”, “cl”

Sezione: “sezione”, “sez.”

Zona: “zona censuaria”, “z.c.”

RC Euro: “rendita catastale euro”, “rce”, “r.c.euro”, “r.c.e.”, “r.c. euro”, “rceu”, “rc euro”

Ettari: “ettari”, “ha”

Are: “are”

Centiare: “centiare”

Lotto: “lotto”

Edificio: “edificio”

Scala: “scala”

Interno: “interno”

Indicazione sommaria

Viene predisposta dal programma tramite fusione delle macro di repertorio e i dati dell’atto.

Valore dell’atto

Viene recuperato il valore se è presente almeno una tra le parole “corrispettivo”, “prezzo della vendita”, “valore di” e “prezzo”.
Nel caso in cui il notaio voglia fare la traslitterazione E' NECESSARIO anteporre la cifra in numeri a quella in lettere, altrimenti non viene recuperato alcun valore.
Ecco i termini sostitutivi da poter usare.


Euro 7.100,00
euro 7.100,00
€ 7.100,00
Euro 7.100,00 (settemilacento virgola zero centesimi)
euro 7.100,00 (settemilacento virgola zero centesimi)
€ 7.100,00 (settemilacento virgola zero centesimi)


Esempio A

Il prezzo della presente vendita convenuto ed accettato in complessivi Euro 5.000,00 (cinquemila virgola zero centesimi)



Esempio B

Rossi Elfio vende a Rossi Francesco, che acquista ed accetta, parte della quota da esso vantata della societa' "RGB S.R.L." e precisamente una parte pari ad Euro 2.500,00 (duemilacinquecento virgola zero centesimi) per il corrispettivo di € 2.500,00 (duemilacinquecento virgola zero centesimi).


Ipoteca e Mutuo

Per poter recuperare la parte del mutuo deve essere presente nel paragrafo la parola “MUTUO” e “IPOTECA” e una delle seguenti:
“somma di euro”
“per complessivi euro”
“di euro”


Esempio A

La "Banca" concede a titolo di mutuo, ai sensi dell'art. 38 del "T.U.", al "Mutuatario", che accetta, la somma di Euro 710.000,00 (euro settecentodiecimila e zero centesimi) al tasso d'interesse e per la durata indicati ai successivi art. 2 e 3.


Per l’ipoteca, la frase deve contenere almeno la parola “IPOTECA” e una delle seguenti diciture:
“SOMMA DI EURO”
“PER COMPLESSIVI EURO”
“DI EURO”


Esempio B

L'ipoteca viene iscritta per la complessiva somma di Euro 600.000,00 (seicentomila virgola zero zero)


Elenco di Dati recuperati

INFORMAZIONI GENERALI:

 - Tipo di atto (Registrato-Pubblico-Sede);
 - Numero di repertorio;
 - Numero di raccolta;
 - Natura dell’atto;
 - Data di stipula;
 - Luogo di stipula;
 - Indirizzo di stipula.


PERSONA FISICA:

 - Cognome;
 - Nome;
 - Sesso;
 - Codice fiscale;
 - Partita IVA;
 - Stato civile;
 - Regime patrimoniale;
 - Data nascita;
 - Comune nascita;
 - Provincia nascita;
 - Città domicilio/residenza;
 - Provincia domicilio/residenza;
 - Via domicilio/residenza;
 - Numero civico domicilio/residenza.
 - Professione;


PERSONA GIURIDICA:

  - Ragione sociale;
 - Forma giuridica;
 - Codice fiscale;
 - Partita Iva;
 - Capitale sociale;
 - Sede C.C.I.A.A.;
 - Città domicilio fiscale;
 - Provincia domicilio;
 - Località/frazione domicilio;
 - Via domicilio;
 - Numero civico domicilio.
 


IMMOBILE:

 - Descrizione sommaria; 
 - Comune;
 - Provincia;
 - Frazione/via;
 - Numero civico;
 - Progressivo Unità


PARTICELLA FABBRICATO:

 - Foglio;
 - Particella;
 - Subalterno;
 - Classe;
 - Categoria;
 - Natura;
 - Via;
 - Numero civico;
 - Piani;
 - Scala;
 - Interno;
 - Superficie;
 - Vani;
 - Sezione;
 - Zona censuaria;
 - Rendita catastale.
 - Lotto:
 - Edificio.


PARTICELLA TERRENO:

 - Foglio;
 - Particella;
 - Subalterno;
 - Classe;
 - Natura;
 - Superficie;
 - Reddito domenicale;
 - Reddito agrario;
 - Ettari;
 - Are;
 - Centiare;
 - Lotto;
 - Edificio.


SOCIETA' COSTITUENDA:

 - Denominazione
 - Comune Residenza;
 - Provincia Residenza;
 - Via Residenza;
 - N. Civico Residenza;
 - Capitale sociale


MUTUO/FINANZIAMENTO/IPOTECA:

- Valore


CONVENZIONI:

 - progressivo ID venditori e compratori;
 - Codice diritto o natura del bene;
 - Quota;
 - Descrizione Diritto;


Appendice A: installazione e configurazione

- Installare da P:\REAL\setaxg.cd\others\estratto framework (2 file);

- Copiare tutto il contenuto della cartella P:\REAL\setaxg.cd\beta\estratto21in O:\seta2000;

- Inserire in O:\seta2000\personal.ini - sotto la voce UTENTE1 - il comando:
estratto2=c:\seta2000\etratto21.exe

- Prendere da P:\REAL\setaxg.cd\BETA la cartella "Estratto21-Regole-Modelli" e copiare i file Regole.Estratto21 e Modelli.Estratto21 in O:\seta2000\MODULI.

aggiungere in winpam.agg i seguenti file:

۰ESTRATTO21.EXE
۰SL_ARCHIVI.DLL
۰SL_FORMUTILITY.DLL
۰VBPOWERPACK.DLL

(in C:\seta2000 devono essere presenti tutti i file sopra elencati


- potrebbe essere necessario che la dll midas.dll vada registrata: aprire in modifica il file REG2000.BAT e scrivere l'istruzione Regsvr32 midas.dll, poi lanciare la registrazione.

ATTENZIONE! SE DOVESSERO ESSERE PRESENTI I FILE "INTERPRETE.EXE" ED "ESTRATTO2.EXE" IN C:\SETA2000 O IN O:\SETA2000 VANNO ELIMINATI:
SONO I VECCHI PROGRAMMI DI ESTRAZIONE ED ENTRANO IN CONFLITTO CON IL NUOVO ESTRATTO21.EXE

Appendice B: come avviare Estratto?

Il programma estratto2.1 può essere avviato da due dei programmi di seta facile lite:

MODELLO UNICO - REPERTORIO


Estratto 2.1 da modello unico

Per poter avviare il programma, dall’applicazione di Modello Unico è necessario entrare nel menu Archivio, scegliere l’operazione “ESTRATTO -> ESTRAI ATTO SETA e andare a prendere l’atto in questione dalle cartelle di videoscrittura proposte (l’altra opzione – ESTRAI ATTO APPUNTI – si utilizza solo nel caso in cui il testo non viene preso da un atto di videoscrittura, ma da un testo word o txt,ecc..).

estratto
lettura testo














Come si può vedere in figura viene aperto il programma estratto contenente il testo da interpretare: per avviarla pigiare il tasto “ESTRAZIONE”.

estratto
File in corso di estrazione













Al termine dell’estrazione il programma si sposta automaticamente nella sezione “Risultato dell’Estrazione” dove è possibile visualizzare i dati estrapolati dal testo:

estratto
Dati estratti













A questo punto basta solo cliccare l’opzione in basso a destra “Conferma e Chiudi”.
I dati verranno elencati in forma più schematica e pronti per essere inviati al modello unico pigiando l’ultimo tasto di Conferma....

estratto
trasferimento in unico












Alla pressione del tasto conferma viene richiesto se si è sicuri di voler trasferire i dati in Modelo Unico, rispondere affermativamente e procedere alla compilazione e predisposizione del modello unico con i dati estratti.

Estratto 2.1 da Repertorio

Per avviare il programma da repertorio (e quindi creare un repertorio con i dati recuperati da estratto 2.1) si deve utilizzare il tasto “Nuovo” da dove scegliere tra le due opzione “Interpreta Atto”o Interpreta Appunti”.
Possiamo inoltre abbinare una macro al repertorio creato lasciando impostata l’opzione di abbinamento (come si può vedere in figura).

estratto
avvio procedura estrazione da repertorio











Da questo punto in poi la procedura di estrazione è la stessa descritta in precedenza per il recupero da modello unico.


Appendice C: struttura del programma

Il programma estratto 2.1 si divide in cinque sezioni:

Sorgente dati
Testo da estrarre
Risultato estrazione
Regole
Gestione modelli


Sorgente dati

estratto
Sorgente dati












È la maschera iniziale che non viene mai visualizzata se non si utilizza l’estratto singolarmente, ma sempre abbinato a Modello Unico o Repertorio.
Da qui è possibile stabilire da quale sorgente appunto prendere i dati: formato RTF o TXT, qualsiasi appunto di windows purchè sia stato eseguito il copia dei dati da estrarre, formato HED quindi seta facile oppure inserire il testo recuperato l’ultima volta.

Testo da Estrarre

estratto
lettura testo













Da questa maschera si avvia la procedura di estrazione schiacciando il tasto “Estrazione”.
Inoltre è anche possibile da questa sezione impostare il modello da utilizzare, inteso come tipo di atto da interpretare (COMPRAVENDITA, MUTUO, ATTO COSTITUTIVO, ECC..).
Per predisporre questi modelli bisogna appunto entrare nella sezione “Gestione Modelli”.

Risultato dell’Estrazione

estratto
Dati estratti













Una volta terminata la procedura di estrazione si passa automaticamente a questa sezione, in cui vengono visualizzati i dati che il programma è riuscito a tirar fuori, suddivisi tra dati generali (Numeri di repertorio e raccolta, luogo, data, ecc..), valori dell’atto, soggetti, immobili e relazione tra immobili e soggetti.
La visualizzazione dei dati recuperati può essere globale, intesa come riepilogo dei dati (vedi figura) , o suddivisa per argomento, disponibile dal menu a tendina in alto dove è scritto “Cosa Vuoi Visualizzare?”; allora possiamo scegliere se vedere soltanto i dati generali, o solo i soggetti, o solo gli immobili, ecc…in questa modalità:

estratto
esempio tabella solo soggetti









Regole

estratto
Impostazioen Regole di Estrazione













È la parte più importante del programma poiché in questa sede si impostano le regole personalizzate di estrazione dei campi-chiave.
Il programma estratto 2.1 è importante proprio per questo: è possibile impostare una serie di regole – sempre fermo restando che alcune di esse restano invariate – personalizzate per ogni tipologia di scrittura e quindi per ogni studio notarile.
La sezione contiene – oltre alle regole che possiamo vedere in parte in figura 10 – anche una serie di professioni che vengono interpretate, e di “toponimi” intesi come parole sostitutive che si possono usare al posto di alcuni campi chiave (come ad esempio la parola chiave VIA può essere interpretata come tale anche quando nell’atto è scritto CONTRADA, o VIALE, o LOCALITA’, ecc..).

Gestione Modelli

estratto
Gestione modelli













Come specificato sopra, da questa sezione il programma permette di creare - utilizzando il tastino File:più.jpg o eliminare File:meno.jpg - dei modelli, concepiti come tipologia di atto e all’interno dei quali inserire determinati dati, come la tipologia di nota (Iscrizione, Trascrizione o Annotamento), i codici del modello 69 e dati di repertorio (quindi se un atto è Registrato o Esente, o se è soggetto o meno ad imposta di bollo, ecc..).


Appendice D: Cosa fare quando estratto non recupera

Oggetto non reuperato Cosa fare
Numero Civico Togliere eventuali segni di interpunzione tra indirizzo e la parola “numero”
Classe E’ necessario anteporre la parola chiave Classe/Cl. al valore da recuperare
Valore In caso di traslitterazione si deve anteporre la cifra in numeri (Es. 10.000,00 (diecimila))
Mutuo La frase deve contenere la parola “Mutuo”, non deve contenere “Ipoteca” e deve contenere “Di euro”
Ipoteca La frase deve contenere la parola “Ipoteca” e deve contenere “Di euro”
Immobili successivi al primo Manca almeno una delle seguenti parole chiave: “Subalterno” “sub” “categoria” “cat.” “REDDITO DOMINICALE” “R.D. Euro”
Il campo prosegue con frasi successive al suo valore E’ necessario mettere un segno di interpunzione (virgola) dopo il valore da recuperare
Luogo e Data Atto pubblico: viene recuperato se nei primi 6 paragrafi si trovano:
L’anno ... in .......... Innanzi a me
Oppure:
Il giorno ... in .......... Innanzi a me
Atto autenticato:
E’ necessaria la presenza di un paragrafo U (autentica di firme)
Viene interpretata la frase del tipo:
Bologna, Via Roma 12, 3 maggio 2005
Repertorio e Raccolta Le parole chiave R1/R2 sono case-sensitive. Lasciare SEMPRE almeno uno spazio tra la parola chiave e il dato da recuperare
Soggetti nelle Convenzioni Verificare che il nome e cognome dei soggetti che compaiono nella convenzione siano identici al campo NomeCognome
Ragione Sociale La ragione sociale deve essere tra virgolette
Immobili graffati Se trova la parola graffata/graffate allora, ad ogni ricorrenza di “particella” (parola intera e non abbreviata) viene interpretato un immobile.
E’ necessario che gli immobili graffati siano nello stesso paragrafo
Campo CapitaleL Non utilizzato
Rappresentante Verificare la presenza delle parole chiave per le frasi R1 o R2
Strumenti personali